Cerca per interessi
Please reload

territorio in azione

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Rocce, fossili e archeologia

Osservando le rocce e la loro giacitura, il geologo riesce a "leggere" negli strati storie lontane che gli permettono di capire come un monte o un bacino si sono formati; il paleontologo, invece, "rivive" quelle storie, attraverso i fossili presenti in quelle stesse rocce. I monti Vallassa e Pénola, a cavallo tra la media val Curone e la media valle Staffora, sono un interessante punto di partenza per esplorare rocce e fossili delle Quattro Province.

Anche ad un osservatore distratto, quello che appare subito evidente è l'imponenza delle rocce che affiorano: grandi pareti disposte, talvolta, in strati regolari, talvolta in masse informi. Ciò che colpisce è la durezza di queste rocce: non banchi di terriccio friabile, ma grandi blocchi di marne, calcare o rocce vulcaniche. Percorrendo la valle Staffora dalla Pianura Padana fino alla zona di Santa Margherita di Staffora appare chiaro questo cambiamento mentre si passa dalla parte bassa a quella alta della valle; dove le rocce più "morbide" affioranti qua e là lungo i lati della valle, lasciano spazio a pareti intere brulle e ripide. Anche il paesaggio cambia, proprio a causa della modificazione del terreno; la bassa valle è molto più dolce e aperta; nella parte alta è molto più chiusa e le pareti dei colli sono disposte, in alcuni punti, quasi verticalmente.

 

Link a siti di approfondimento

www.appennino4p.it

www.libarna.al.it

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

mettiti in contatto

We'd love to hear from you

SCARICA L'APP DOORWAY TO

DA:

  • White Facebook Icon

SEGUICI SU FACEBOOK